LEGGENDE

Era fijo d'un vascellaro de Trestevere; infinenta da regazzino incominciò a ffa' li pupazzi co' la creta, e a mmano a mmano addiventò ttanto bbravo scurtore e ddisegnatore che ttutti li forestieri cureveno da lui a ccornprà' li disegni e a ppagajeli a ppeso d'oro.
C'è ancora chi sse lo ricorda ggirà' ppe' Roma in compagnia de du' ca-noni che nu' lo lassaveno mai u mmomento.
Essènno pittore, come je l'apporta er mestiere, era de casa pazzaja; sicché come li cani cucciotti, una ne pensava e ccento ne faceva.
E dde mattità fatte da lui se n'aricconteno tante.
Dice che 'na vorta, ar piano de sotto de la casa indove ciabbitava lui, c'era uno che nun faceva antro che ssonà' er violino.
Mastro Bartolomeo o Mineo (come lo chiamaveno tutti) nun poteva ppiù cconnètte. Agnede ggiù dar su' inguilino a ddije che je facesse er piacere de piantalla; ma quello j'arispose:
- Sto a ccasa mia e ffaccio er commido mio.
Va bbè'. Un giorno che tte fa quer matto de Pinelli?
Sgómhera tutta la cammera che ddava sopra a quella der sonatore de violino, l'empie d'acqua, pija una canna da pesca, accenne la pippa, e sse mette a ppescà' quieto com'una Pasqua. Tutt'in un momento che vvòi sentì' li strilli e ll'urli de quer povero sonatore de violino, che sse vidde pisciolà' ll'acqua drento la su' stanzia!
Va ssu da I 'appiggionante, bbussa, e je fa:
- Che bber modo sarebbe questo? L'acqua m'ha ffracicato tutto e' lletto, azzuppato tuttò er mobijo...
E Ppinelli, senza nemmanco mòvese, j'arispose:
- Sto a ccasa mia e vvojo pescà' quanto me pare!

*****

Quanno la sera d'inverno s'aritirava a ccasa, j'aveva dato in de ll'occhio che un povero ciavattino vejava lavoranno, chiuso co' la vetrina, drento la su' bbottegola.
A mmetà dde la vetrina, però, invece der vetro amancante. c'era incollato un fojo de carta bbianca. Una sera Pinelli de punto in bianco, ficcò la capoccia drento ar fojo de carta, e ffece ar carzolaro:
- Sor maestro, me fate er piacere ch' or'è?
Er ciavattino, llì ppe' llì, sia la pavura, sia la confùsione, arimase com' un salame, e je disse l'ora.
La sera appresso, taratàffete! Pinelli, all'ora consuveta, ciarifece cavallo.
'Sta vorta er ciavattino fece fra dde se:
- Aricapitece domani che tte frego io!
Defatti la sera appresso, puntuvale, se vede sfascià' er tojo de carta e ssènte la solita voce domannaje:
- Sor maestro, me fate er piacere che or'è?
Er ciavattino agguanta la prima forma che je capita e ppaffe! je l'ammolla in testa.
Ma Ppinelli che aveva magnata la fôja, invece de la testa, ciaveva ficcata una pila piena de schertro.
Figurateve la bbottegòla de quer povero ciavattino si nun diventò una càntera!
Si quella sera er ciavattino avessi potuto agguantà' Ppinelli, n'averebbe fatta cinicèlla e ppanni sporchi; ma quello da mò ch'aveva preso er marco sfila!

*****

Certe vorte che je faceveno le bbùggere, dice, ch'annava a ccasa e ppijava a bbastonate la moje e li fiji.
E quanno li vedeva piagne, abbraccicasse la madre e cconsolasse tra de lloro, allora pijava un àpise e un pezzo de carta, e sse li metteva a ddisegnà'.
E llì, aripijati dar vero, ciaricacciava fôra certi quadri che ereno addrittura maravije.

*****

Ogni tantino ne inventava quarchid'una nôva. Quanno nun sapeva propio indove sbatte la testa, sentite si cche ffaceva.
Dice, che in quer tempo se portava incora la pèrucca cor codino.
Lui che aveva pensato?
Se metteva de fôra de la loggetta de casa sua, quann'annottava; pijava un lamo da pesca, l'attaccava a un filo de seta e lo tirava ggiù.
E llì stava l'ore e ll'ore a aspettà' che je capitasse er merlo.
Ammalappena vedeva passasse sotto quarchiduno propio a ppóllo, j'ammollava e' llamo sotto ar codino de la perucca e ttirava; quello, tutto in d'un botto se la vedeva volà' pper aria strillava, urlava, ma ssì! era tempo perso.
Tutte le finestre de le case ereno chiuse, nun c'era anima viva che risponnésse. co' cchi tte la vôi sta' a ppijà'? Co' Bbréga.

Giggi Zanazzo
Roma: Leggende

INDICE DELLE LEGGENDE

Questo sito è protetto dal diritto d'autore; vedere le Norme di uso del sito
This site is copyrighted; See rules and conditions.
© www.belsito.it 1996-2006